Nigeria, aggressione a coppia gay

Home » Omofobia » Nigeria, aggressione a coppia gay
Spread the love

Nigeria, aggressione a coppia gay Omofobia

Una banda di uomini ha sorpreso con un’imboscata a Lagos, capitale fino al 1991 e città della Nigeria, un giovane venticinquenne di nome Rashidi Williams e un suo amico, ma il nigeriano gay aveva troppo paura di denunciare l’aggressione alle forze di polizia o anche ai suoi familiari.

Mi hanno portato all’ospedale, ma non potevo dire che ero stato picchiato perché mi avrebbero discriminato, queste situazioni sono sottovalutate in Nigeria, le persone vengono anche uccise.

Gli attivisti temono che la discriminazione e la violenza possano aumentare con il disegno di legge che punisce le coppie gay fino a tre anni di carcere, e testimoni o chi officia la funzione rischierebbe fino a cinque anni.

Se passa questo disegno di legge in legge, il governo nigeriano sarà ancora più discriminato e sanzionato, sulla comunità gay già vulnerabile.

L’omosessualità è illegale in Nigeria e, infatti, nelle zone a nord del paese la legge islamica della Sharia permette la lapidazione di gay e lesbiche.

 

Leggi ora  Scozia, capo della Chiesa cattolica promette più soldi per la lotta contro i matrimoni gay