Nichi Vendola convive e vorrebbe adottare un bambino

Home » Cultura Gay » Nichi Vendola convive e vorrebbe adottare un bambino
Spread the love

Nichi Vendola convive e vorrebbe adottare un bambino Cultura Gay Pochi giorni fa, Nichi Vendola ha confessato di non voler rinunciare all’orecchino nel caso venga candidato alle primarie del centro-sinistra, ribadendo la sua attenzione alla sostanza più che alla forma.

Il leader di Sinistra Ecologia e Libertà riesce a incarnare in sé ciò che all’apparenza sembra inconciliabile all’interno dello schieramento di centro-sinistra, e che trova in lui, invece, una sintesi: essere omosessuale, progressista, ma al tempo stesso cattolico, al punto che, intervistato, racconta di non separarsi mai dal suo crocifisso. «Manco Casini…», ha aggiunto tanto per dare fastidio a chi nel Pd propone l’alleanza con i centristi, escludendo il suo partito.

Ma parla anche per la prima volta anche della sua relazione sentimentale (Fonte Il Giornale):

È canadese. Viviamo a Terlizzi (Bari, ndr) da anni. Siamo una coppia tranquilla, morigerata. Ci piace ricevere gli amici a cena.

E quando gli si chiede cosa gli manca, risponde:

Mi manca un figlio. Ma è un argomento intimo. Non nascondo, però, che scapperei subito ad adottare un piccolo abbandonato in Kosovo.

Le posizioni di Nichi Vendola, tuttavia, rimangono sfumate. In un’intervista rilasciata a Le Iene due settimane fa alla domanda sui matrimoni gay ha risposto di volersi battere per la tutela delle coppie di fatto, e per quanto riguarda l’adozione da parte delle coppie omosessuali ha parlato di essere favorevole all’adozione per i single. Posizioni che sembrano andare incontro all’elettorato del centro-sinistra (e non solo) ma che risultano tiepide alle persone omosessuali che aspirano a una totale uguaglianza giuridica attraverso l’estensione del matrimonio anche alle coppie gay, seppure c’è da sottolineare che è importante che un politico italiano parli di diritti in modo concreto e non con parole a vanvera come spesso finora si è fatto.

Leggi ora  Don Ermis Segatti: "I gay non sono malati ma hanno una specifica sessualità che ha diritto di essere espressa"