Matrimonio gay: la Nuova Zelanda dice sì, l’Australia prosegue per il no

Home » GLBT News » Matrimonio gay: la Nuova Zelanda dice sì, l’Australia prosegue per il no
Spread the love

Matrimonio gay: la Nuova Zelanda dice sì, l'Australia prosegue per il no GLBT News Obama sta facendo scuola. Dopo il sì del Presidente americano ai matrimoni gay, anche il premier della Nuova Zelanda John Key ha fatto sapere che prima o poi il governo darà il via a una legge sulla questione:

E’ possibile che a un certo punto il parlamento possa dibattere un disegno di legge individuale, ma non è nell’agenda governativa.

Key, leader conservatore, già permette le unioni civili dello stesso sesso nel paese. Si tratta di un tipo di unione che garantisce alle coppie gay gli stessi diritti e gli stessi doveri del matrimonio tra persone eterosessuali. Chi invece non ne vuole sapere di parlare di unioni gay è la premier australiana Julia Gillard:

Ho preso la mia decisione e la mia posizione in materia è ben nota. E’ una questione su cui le persone riflettono e formano la propria opinione, è una questione profondamente personale.

La Gillard si professa atea e da tempo convive con il compagno senza essere sposata.

Photo Credits | Getty Images

Leggi ora  P!nk, il video di Raise Your Glass sarà un omaggio ai matrimoni gay