L’ex presidente del Botswana richiede la legalizzazione dell’omosessualità

Home » GLBT News » L’ex presidente del Botswana richiede la legalizzazione dell’omosessualità
Spread the love

L'ex presidente del Botswana richiede la legalizzazione dell'omosessualità GLBT News Omofobia

Festus Mogae, l’ex presidente del Botswana, ha detto che l’omosessualità dovrebbe essere depenalizzata per aiutare a diminuire i tassi di HIV attraverso campagne di sensibilizzazione all’uso del preservativo anche tra rapporti omosessuali.

Parlando alla BBC Africa, Mogae ha detto che nonostante lui non comprenda l’omosessualità, i gay e le lesbiche non devono essere arrestati per il loro orientamento.

Guardo le donne. Io non guardo gli altri uomini. Ma ci sono uomini che guardano gli altri uomini. Questi sono i cittadini.

Per proteggere loro e i loro partner di essere infettati da HIV, bisogna aiutarli a proteggersi.
Non credo che l’arresto possa aiutarli.

Mogae ha aggiunto che il rifiuto da parte del governo a distribuire i preservativi tra i detenuti sta causando un peggioramento del problema:

Se la gente può andare in prigione HIV negativi e uscirne sieropositivo, significa che le carceri, qualunque sia la legge, sono una delle fonti di infezione.

L’omosessualità per uomini e donne è illegale in Botswana e le relazioni gay sono considerate tabù, in una società che vede l’essere gay come “non-africano”, anche se il 17% della popolazione ha contratto l’Hiv.

Leggi ora  Ancona: uccide il fratello che gli aveva dato del gay