Il padre omofobo può essere allontanato da casa per tutelare il figlio gay

Home » Cultura Gay » Il padre omofobo può essere allontanato da casa per tutelare il figlio gay
Spread the love

Il padre omofobo può essere allontanato da casa per tutelare il figlio gay Cultura Gay La sentenza del tribunale per i minorenni di Milano del 25 marzo 2011 ha sancito il principio per il quale l’età non fa la maturità di un uomo; per la prima volta, si stabilisce la proibizione di qualunque tipo di discriminazione familiare nei confronti, ad esempio, del figlio omosessuale. Il padre, nel caso specifico, deve rappresentare un punto di riferimento e non può lasciarsi andare a comportamenti inadeguati. Ma il punto maggiormente innovativo è la legittimazione dell’utilizzo della forza pubblica per allontanare dal focolare domestico il padre violento.

Il caso specifico, avvenuto in Puglia, vedeva un contenzioso tra padre e figlio. Il genitore l’avrebbe picchiato in più occasioni e, dato che non si era trovata una soluzione alternativa, il tribunale ha stabilito che verrà utilizzata anche la forza al fine di proteggere l’incolumità del ragazzo; l’allontanamento del padre è sembrato, infatti, l’unico modo efficace per ristabilire la normalità.

Giovanni D’Agata, fondatore dello Sportello dei diritti, ha tenuto a sottolineare come la sentenza voglia reprimere la violenza in famiglia e scongiurare gravi abusi del capofamiglia nei confronti della moglie e dei figli. Una decisione davvero umana!

Leggi ora  Elton John: "Zachary ha unito me e David in una maniera incredibile"