Clemente Gasparri: “Carabinieri gay? Sporcizia”

di Marziano 2

Clemente Gasparri, fratello di Maurizio, ci tiene a far sapere che non si può essere allo stesso tempo gay e carabinieri. L’attuale vice comandante generale dell’Arma dei Carabinieri parlando al Corso di aggiornamento, Scuola Ufficiali dei Carabinieri di Roma, ha fatto una disgustosa metafora per parlare di omosessualità nell’arma:

Ammettere di essere gay, magari facendolo su un social network, come un graduato della Guardia di Finanza, non è pertinente allo status di Carabiniere. L’Arma è come un treno in corsa, i passeggeri sono vincolati, prima di scendere, alla responsabilità di lasciare pulito il posto occupato. Gli ufficiali del Ruolo Speciale che fanno il ricorso, i giovani ufficiali dell’applicativo che fanno istanze per avvicinarsi alla famiglia, gli omosessuali che ostentano la loro condizione, sono in sintesi tutti passeggeri sciagurati dell’antico treno, potenzialmente responsabili della sporcizia o del deragliamento.

Peccato non abbia parlato del capotreno. Se non è lui a dare il buon esempio come si può pretendere di arrivare sani e salvi a destinazione?

Photo Credits | Getty Images

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>