Arma dei Carabinieri: sarà corretto l’errore sui gay nel manuale

Home » Cultura Gay » Arma dei Carabinieri: sarà corretto l’errore sui gay nel manuale
Spread the love

Arma dei Carabinieri: sarà corretto l'errore sui gay nel manuale Cultura Gay Il comando generale dei carabinieri correggerà l’errore presente nell testo del manuale per il concorso di marescialli dell’Arma. Al suo interno l’omosessualità è messa sullo stesso piano della necrofilia e all’incesto. In una nota l’Arma dei Carabinieri fa sapere:

L’Arma dei Carabinieri è in prima linea nella difesa di tutti diritti, come testimoniano concretamente sia le quotidiane attività sul territorio per garantire i cittadini da ogni forma di discriminazione e di violenza, sia i programmi di insegnamento per tutto il personale, ove trovano ampio risalto i diritti umani e la loro assoluta tutela.

Sulla questione è intervenuta anche Elsa Fornero:

Noi siamo severissimi e stigmatizziamo qualsiasi discriminazione, quindi anche questi passi del manuale. Ma bisogna fare attenzione a non usare questo come accusa verso l’Arma. L’omofobia non è tollerata all’interno dell’Arma.

Grande soddisfazione da parte di Paolo Patané, presidente nazionale Arcigay:

Esprimiamo apprezzamento per la pronta precisazione dell’Arma dei carabinieri che ammette che il riferimento all’omosessualità come degenerazione su di un manuale per un esame è un “increscioso equivoco” e un “errore materiale”. Ci sorprende in positivo, la prontezza dell’intervento e il rispetto per gay e lesbiche che emerge dalle parole del Comandante generale dell’Arma, Leonardo Gallitelli sul lavoro dei carabinieri per garantire i cittadini da ogni forma di discriminazione e di violenza che si esplica anche in programmi di insegnamento e formazione per il personale del corpo. L’auspicio è per una intensificazione di queste buone pratiche, soprattutto a livello locale con il contatto diretto con l’associazionismo lgbt, e con investimenti che non riguardino soltanto le forze armate, ma anche l’amministrazione pubblica nella sua globalità, dagli uffici delle anagrafi alla Sanità tutta. Un Paese civile e moderno infattiè un paese che non accosta gli omosessuali alla degenerazione nemmeno per errore.

Photo Credits | Getty Images

Leggi ora  Chely Wright aprirà un centro LGBT a Kansas City