Aiart: “I media devono far capire che le unioni gay non sono normali”

Home » Televisione Gay » Aiart: “I media devono far capire che le unioni gay non sono normali”
Spread the love

Aiart: "I media devono far capire che le unioni gay non sono normali" Televisione Gay Mentre in tutto il mondo si riflette sull’importanza del matrimonio omosessuale, in Italia si fa esattamente l’opposto. In un comunicato diramato dall’Aiart, l’associazione di telespettatori cattolici, il presidente Luca Borgomeo ha lanciato un appello a tutti i media affinché si possa far capire al pubblico che le unioni gay sono “anormali”:

I mass media non facciano passare nell’immaginario collettivo l’idea che le unioni omosessuali sono uguali al matrimonio uomo-donna. La coscienza collettiva si forma anche attraverso i mass media. E non di rado la pubblicità, ma anche giornali, tv e radio non sottolineano a sufficienza il valore del matrimonio e invece fanno passare come normali le unioni gay.

I media italiani in quanto a questioni omosessuali non sono esattamente “sul pezzo”, se quelli dell’Airt intendono far diventare i media italiani come una grande Radio Maria siamo davvero alla frutta.

Photo Credits | Getty Images

Leggi ora  Cesaroni, arriva il fratello gay