Gay in divisa, sdoganati poliziotti e carabinieri omosessuali

di Felix Commenta

Il settimanale L’Espresso ha pubblicato un articolo in cui il prefetto Francesco Cirillo ha aperto a una vera rivoluzione nelle questure: sì ai gay in divisa, grazie a corsi anti discriminazione per educare gli agenti al rispetto e alla tolleranza, non solo verso le regole e verso la comunità, ma anche tra colleghi.

L’Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori (Oscad), di cui ne fa parte la polizia con i carabinieri, è guidato dal vice direttore generale della Pubblica sicurezza e dirige un comparto interforze che si occupa dall’anticrimine alla polizia postale, al servizio centrale operativo fino alla polizia di frontiera; insomma, una task force che fa invidia in Europa (e potrebbe essere presa presto come modello).

Cirillo ha dichiarato:

Abbiamo due obiettivi, uno interno e uno esterno.

Quello interno è cancellare l’immagine della polizia manganello e machismo, l’altro è prevenire e combattere ogni traccia di discriminazione, omofobica e non tra le nostre donne e i nostri uomini.

Inoltre, il Capo della Polizia Antonio Manganelli ha aggiunto:

Qui non c’è discriminazione nella carriera, né nei rapporti interpersonali.

Essere gay nella polizia di oggi è una cosa normale, così come è normale che i poliziotti gay facciano parte dell’associazione Polis Aperta che riunisce gli omosessuali delle forze dell’ordine.

Basta guardare i bambini nelle scuole, hanno uno spirito nuovo, che sta a significare che l’Italia di oggi è così, hanno legami stretti anche fra etnie diverse, ci mandano un messaggio chiaro.

Siamo noi che dobbiamo imparare da loro.

Photo Credits | Getty Images

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>