Ellen Page attacca Hollywood sull’omosessualità

di Valentina Cervelli Commenta

Ellen Page attacca Hollywood sull’omosessualità. Ed avendo fatto lei coming out e quindi avendo vissuto in prima persona come questo ambiente possa essere deleterio sulle persone che fanno parte della comunità, si lamenta di come una volta allo scoperto, le persone vengano stereotipizzate.

Ellen Page

Sono poche le eccezioni in tal senso e tutte con una carriera forte alle spalle: l’esempio più palese è sicuramente Matt Bomer, sebbene per lui Hollywood èsia sinonimo di serie televisiva e non di cinematografia. Questo talentuoso attore porta sul piccolo schermo parti da eterosessuale e da gay senza problema alcuno, focalizzandosi molto sul progetto. O ancora Zachary Quinto. Ellen Page ha ricevuto in passato una nomination all’Oscar e si chiede se sarà sempre relegata per il suo coming out a ruoli queer:

Zachary Quinto è out ed lavora in uno dei più grandi franchise blockbuster. Ho 4 progetti in uscita. Tutti ruoli gay. Le persone mi chiedono se ho paura di essere rinchiuda in questa nicchia. Nessuno chiede: Ellen, hai interpretato sette ruoli etero di seguito non dovresti scuotere un po’ le cose e fare qualcosa di queer? Il doppio standard c’è ancora. Guardo alle cose che ho fatto nei film: ho drogato una persona, torturato qualcun altro e interpretato una star del roller-derby. Ma ora sono gay: non posso interpretare un etero?

Domande giuste. Che si accodano a ciò che ha fatto notare Sir Ian McKellen alla 3 nomination all’Oscar: ancora nessun attore dichiaratamente gay ha vinto una statuetta: saranno mai destinate a cambiare le cose ad Hollywood?

Photo Credit | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>