UK: medico cristiano associa l’omosessualità all’uso di droga

Home » Cultura Gay » UK: medico cristiano associa l’omosessualità all’uso di droga
Spread the love

UK: medico cristiano associa l'omosessualità all'uso di droga Cultura Gay Il dottor Hans-Christian Raabe, membro della Comunità Maranatha, un movimento cristiano che crede che l’omosessualità possa essere curata, ha associato l’essere gay come un qualcosa di altamente “distruttivo” ed al pari di una grave malattia o l’uso di droga. Si legge nei suoi saggi:

I media e il movimento gay ritraggono lo stile di vita omosessuale come felice, in salute e soddisfatto. Tuttavia, lo stile di vita omosessuale è associata ad un elevato numero di gravissime conseguenze sulla salute fisica ed emotiva. Una grande percentuale di omosessuali, che si impegnano in uno stile di vita distruttivo, hanno maggiori possibilità di contrarre l’HIV/ AIDS o altre malattie sessualmente trasmissibili, e di sviluppare dipendenza da droghe o alcol. C’è un maggiore onere di depressione, o tentato suicidio completato tra la ‘popolazione gay’.

O ancora:

Mentre la maggioranza degli omosessuali non sono coinvolti nella pedofilia, è di grave preoccupazione che vi sia un numero sproporzionatamente maggiore di omosessuali tra i pedofili. Nonostante l’impressione data dai media, il numero effettivo degli omosessuali è abbastanza piccolo. In sostanza tutte le indagini mostrano che il numero degli omosessuali si aggiri attorno all’1-3 per cento della popolazione.

La deputata laburista, Bridget Phillipson, ha liquidato le sconcertanti dichiarazioni del medico:

E’ un oltraggio assoluto che si dia spazio alle parole senza senso di questa persona. Ha messo in discussione il nostro impegno per le uguaglianze. Associare la droga con l’omosessualità è una cosa orribile, e dannosa per tutti.

Leggi ora  Brescia: coppia gay aggredita a Ferragosto