Shalpy sbarca in America

di Sebastiano Commenta

Giovanni Scialpi, una delle intramontabili icone degli anni ’80, cambia nome in Shalpy per il suo sbarco in America. Il popolare cantante si è, pero’, pentito di essersi rifatto la bocca (Fonte Vanity Fair):

Credo che le botte prese nella vita in qualche modo spingano tutti noi a fare, prima o poi, qualcosa di assurdo, che non ci appartiene davvero: arrivi a deturparti solo dopo un cedimento mentale. Avevo trent’anni, e il complesso del labbro superiore poco carnoso. Andai da un chirurgo cane, e per colpa del silicone mi è venuta una fibrosi che sto ancora curando, ma so che non tornerò mai come prima. E c’è chi, soprattutto sulla Rete, me lo rinfaccia tutti i giorni.

Toccante il suo rapporto con i genitori:

Ho conosciuto la disperazione e la stanchezza di vivere, che non significa voler morire, ma non sopportare più la vita. È morto mio padre, poi mia madre si è ammalata di Alzheimer: adesso è sotto psicofarmaci nella completa demenza, ma prima ha attraversato una fase violenta, mi lasciava segni ovunque, mi terrorizzava. Eppure mi è spiaciuto quando è andata via la cicatrice che mi aveva fatto sul petto: è sempre la mia mamma.

Photo Credits | Vanity Fair

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>