Perchè i vip aspettano per fare coming out?

Home » Coming Out » Perchè i vip aspettano per fare coming out?
Spread the love

Perchè i vip aspettano per fare coming out? Coming Out

Sono tanti gli attori ed i cantanti non dichiarati nel mondo dello spettacolo e diciamola tutta, possiamo arrivare davvero a parlare di un fenomeno. Partiamo sempre dal presupposto che non vi dovrebbe essere la necessità di “rivelare” la propria sessualità e lo ripetiamo, ma vi è un perchè ne parliamo tanto e vi è bisogno di farlo.  Perché i vip aspettano per fare coming out?

Non dobbiamo dimenticare che il mondo dello spettacolo in qualche modo ha più risonanza: un coming out pubblico di una persona famosa non sono può cambiare percettibilmente lo stesso ambiente del quale fa parte, ma può dare il coraggio a tante persone di fare altrettanto per reclamare in qualche modo la propria libertà. Pensiamo al coming out di Tom Daley: è il più recente in ordine cronologico ed uno di quelli risuonati maggiormente. Ma purtroppo è uno dei pochi. In una società sbagliata come la nostra, dove conta più chi ami o con chi fai sesso piuttosto che i tuoi meriti, purtroppo quello dei cantanti e degli attori non dichiarati è diventato davvero un fenomeno. Dove se non sei etero rischi di avere un ritorno sbagliato di popolarità e tante porte chiuse.

Per quanto faccia male è la verità. E non cambierà mai se invece di puntare sull’arte si continuerà a basate tutto principalmente sull’appetibilità sessuale della star in questione. Purtroppo funziona così, soprattutto tra gli idoli dei giovanissimi. E gli artisti in questione, per strategie pr che lasciano il tempo che trovano, sono costretti a vivere nella menzogna per anni. Se si smettesse di sessualizzare il tutto dando più spazio alle capacità delle persone nelle strategie di successo, forse qualcosa potrebbe cambiare davvero. E’ un cerchio concentrico di interessi di cui l’attore o il cantante rimangono vittima in base alla propria audience di riferimento. Quante persone sono in grado di sognare di essere dello stesso sesso del proprio idolo fantasticando di “approfittare” di lui/lei piuttosto di pensare “peccato, che spreco?”.  Se siete capaci di rispondere a questa domanda avete colto il punto di ciò che volevamo spiegare.

Leggi ora  L'Italia non è un buon paese per i gay