John Waters: “C’è troppa gente gay”

di Valeria Scotti Commenta

Per il regista anticonvenzionale e provocatore John Waters sarebbe ora che alcune persone gay tornassero pure a rinchiudersi nell’armadio.

Il 65enne, omosessaule dichiarato, ha rilasciato al portale Slate.com le seguenti dichiarazioni:

Sono per il matrimonio gay. A me non serve, ma penso sia giusto consentirlo. Di fatto alcune persone gay dovrebbero chiudersi nell’armadio, ce ne sono troppe.

Ricordiamo che i film di Waters esibiscono deliberatamente ciò che alcuni è “cattivo gusto” cercando al tempo stesso di risultare umoristico per un’altra parte del pubblico. A voi l’interpretazione migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>