Fabio Canino: “Trasmetto un’idea dell’omosessualità normale, è per questo che non mi vogliono in tv”

di Marziano Commenta

Troppo “normale” per la tv. È così che Fabio Canino spiega all’Espresso le ragioni per cui in televisione non gli affidano più un programma. L’ex Iena di Italia 1 ha dichiarato che in tv i gay sono ammessi solo nel caso in cui indossino piume di struzzo e paillettes:

Forse che io vado in televisione in jeans e maglietta, non con le piume di struzzo. Questo mi rende, assurdamente, più pericoloso perché sono normale, me stesso, un conduttore che parla con il pubblico, senza confini. E trasmetto quindi un’idea dell’omosessualità normale, che evidentemente fa ancora paura.

In merito al suo più grande successo televisivo, Cronache Marziane, Fabio Canino spiega che è stato cancellato dal palinsesto televisivo per la sua vicinanza al mondo gay:

Il programma che mi ha portato al successo è Cronache marziane. In effetti veniva considerato da molti un programma “gay oriented”, e forse per questo non hanno pianto quando è stato chiuso.

L’Italia ha problemi anche nel far approvare una legge contro l’omofobia, figuriamoci se affidare un programma ad un omosessuale dichiarato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>