Carlo Giovanardi: “Quella di Elton John non e’ un’adozione ma una mercificazione del corpo che favorisce il racket di semi e di bambini”

di Sebastiano Commenta

 Nei giorni scorsi, l’adozione di Elton John ha aperto un dibattito interno nella politica italiana. C’è chi come il Sottosegretario alla Famiglia, Carlo Giovanardi (più volte contrario alla presenza di bambini in nuclei familiari omosex) trova inconcepibile la decisione di affidamento ad una coppia di uomini:

Quella di Elton John non e’ una adozione. E’ una mercificazione del corpo che favorisce il racket di semi e di bambini. Pezzi di uomo e di donna vengono comprati e mercificati. Secondo questa logica e’ possibile comperare un donatore maschio, una ragazza selezionata con quoziente di intelligenza superiore e una terza persona che ha la gestazione, che diventa madre senza esserlo. Mi sembra una cosa che dal punto di vista umano, culturale e religioso apre degli scenari incredibili. In questo modo si diventa complici del racket dei feti e del seme.

Ha aggiunto:

Nel difendere il diritto di Elton John di concepire in tal modo un bambino, le associazioni gay piu’ oltranziste finiscono con l’iscriversi alla scuola positivista del ‘900 che teorizzava questo tipo di eugenetica, che poi e’ stata ripresa in molti aspetti dal Nazismo. Se si accetta il principio di discriminazione o comunque di una scala di valori secondo la quale qualcuno si arroga il diritto di stabilire chi ha diritto di vivere e chi no, abbiamo visto che il discorso diventa un terribile boomerang per tutti.

E concluso:

Quando si toglie ogni limite sono ipotizzabili le cose piu’ stravaganti e piu’ incredibili al mondo, perche’ poi chi e’ in grado di andare a verificare le realta’ che nascono da questi fenomeni? Si aprono sicuramente prospettive inquietanti, come quella che attraverso l’inseminazione eterologa i pedofili possano concepire bambini. Con la nostra legge cio’ non puo’ accadere, perche’ disciplina chiaramente le condizioni di inseminazione: padre e madre certi che attraverso l’inseminazione concepiscono un figlio al quale devono poi garantire un futuro. Garantendo il diritto di un bambino di avere un padre una madre.

Le reazioni non si sono fatte attendere. Aurelio Mancuso ha espresso il suo dissenso per le gravi affermazioni del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio:

Come era prevedibile Giovanardi inaugura il 2011 con gravissime dichiarazioni sulla genitorialità omosessuale, accusando Elton John e chi come lui utilizza le pratiche di inseminazione assistita di mercificazione dei corpi, di eugenetica, addirittura di nazismo. Davvero questo estremista cattolico tradizionalista non prova alcuna vergogna nell’insultare le persone e le famiglie omosessuali. Se si esce dagli angusti confini italiani ci si accorge che le panzane raccontate da Giovanardi sono orribili tentativi per nascondere il disastro delle politiche familiari del governo di cui fa parte. Questo sottosegretario settario, imbevuto delle peggiori ideologie che nei secoli hanno organizzato e sostenuto una immensa strage di innocenti, dovrebbe svolgere appieno il suo ruolo istituzionale, che gli imporrebbe di conoscere davvero i fenomeni sociali e le trasformazioni familiari. In Italia vivono circa 100 mila bambini di genitori omosessuali, migliaia sono le famiglie formate da entrambe i genitori lesbiche o gay. Giovanardi sa di cosa stiamo parlando? Ha mai conosciuto queste famiglie? Ne ha mai ascoltate le storie? Le sue parole tradiscono una profonda orgogliosa ignoranza, condita da una profonda inumanità, tipica dei fondamentalisti di ogni colore e risma.

Anche Franco Grillini si auspica che Giovanardi possa ritrattare parte delle affermazioni in materia di adozioni gay:

Leggere certe dichiarazioni dell’ahinoi sottosegretario alla Famiglia, Carlo Giovanardi, c’e’ da chiedersi di cosa faccia uso prima di rilasciarle. Dire infatti che il figlio di Elton John porti all’eugenetica nazista vuol dire aver perso il senno posto che ci sia mai stato. Vorremmo ricordare a Giovanardi che il nazismo stermino’ gli omosessuali giustificando lo sterminio con argomentazioni che lo stesso sottosegretario usa spesso per negare qualsivoglia diritto alle persone lgbt. Si chieda piuttosto quali siano le conseguenze di una certa omofobia che alligna doviziosamente all’interno del suo schieramento politico per cui gli omosessuali non sarebbero dei buoni genitori. Per fortuna Giovanardi non puo’ far danni in California dove non comanda la compagine clericoaffaristica che spadroneggia in Italia. Nel mondo sono ormai milioni i bambini nati con le tecniche dell’inseminazione assistita e tutte le ricerche dimostrano che non c’e’ nessuna differenza con gli altri bambini nel successo educativo e nel normale processo di crescita. In Italia a causa della peggiore legge del mondo occidentale voluta da un Parlamento dominato dai clericali migliaia di coppie devono rivolgersi ai centri oltralpe per l’inseminazione assistita. Dopo 16 anni di berlusconismo chi vuole diritti deve espatriare e per fortuna esistono luoghi come la California dove non arrivano le grinfie dei fanatici.

Di parere contrario, Alfonso Signorini. Il direttore di Chi e Tv Sorrisi & Canzoni non ritiene che i gay debbano adottare:

Più che alla coppia Elton-David e al suo ruolo di «apripista», a me viene da pensare al piccolo Zachary. Che non potrà contare sulla figura veramente insostituibile per un bambino: quella della madre. Sono sicuro che Zachary crescerà in una famiglia che lo ama e che fortunatamente può offrirgli una vita senza preoccupazioni economiche. Ma tanto amore e tanti soldi secondo me non basteranno mai a nascondere la mancanza di una madre. Perciò sono d’accordo con Papa Benedetto XVI quando afferma che i bambini devono crescere in una famiglia dove ci sono un papà e una mamma. E senza mettere in discussione le rivendicazioni dei gay, lasciatemi dire che Elton e David secondo me sono andati un po’ oltre i propri «diritti». Pensando probabilmente troppo ai propri desideri e troppo poco alle esigenze di un bambino.

Dove andremo a finire mai se continuiamo di questo passo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>