Canada, scuse ufficiali alla Cina per brochure sul turismo gay

Home » GLBT News » Canada, scuse ufficiali alla Cina per brochure sul turismo gay
Spread the love

Canada, scuse ufficiali alla Cina per brochure sul turismo gay GLBT News

Purtroppo, si vieta gli operatori turistici di promuovere il turismo gay, i casinò e gioco d’azzardo in Cina.

Questa è la frase contenuta nella brochure della discordia, che ha fatto saltare su tutte le furie la Cina e il suo presidente Hu Jintao: il ministro del lavoro, turismo e innovazione Pat Bell è stata in Cina per promuovere l’avvio del rapporto turistico tra Canada e Cina, in una conferenza a Shanghai questa settimana; parlando ai giornalisti, la Bell ha offerto le sue scuse a chi si è sentito offeso dal riferimento al turismo gay nella brochure, assicurando che l’errore contenuto nell’opuscolo sarà corretto.

Non è ancora chiaro per me come quel passaggio sia stato inserito nel documento, siamo ancora alla ricerca del responsabile e ho chiesto al mio vice di scoprire esattamente la dinamica dell’accaduto.

Vancouver è una città turistica gay-friendly, con il più alto numero di persone lgbt del Canada occidentale e la città che ospita gli Outgames.

La Bell ha aggiunto:

Non siamo d’accordo con la discriminazione contro le persone GLBT in questo mondo, la Cina non e così.

Per la cronaca, la Cina ha eliminato dal 2001 l’omosessualità dalla lista di malattie mentali, con un ritardo di una sola decade sull’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Leggi ora  Inghilterra, miglior posto in Europa dove essere gay