Lombardia, centro Avis rifiuta donatore gay

Home » Omofobia » Lombardia, centro Avis rifiuta donatore gay
Spread the love

Lombardia, centro Avis rifiuta donatore gay Omofobia

Accade ancora oggi che gli omosessuali siano discriminati nei centri di donazione del sangue: nella sede Avis ospitata dall’ospedale di Somma Lombardo, in Lombardia, un giovane si è visto rifiutata la propria donazione di sangue a causa del suo orientamento sessuale.

Un comunicato stampa Arcigay dichiara:

Dopo il pestaggio omofobo ai danni di un gruppo di ragazzi in una discoteca a Luino, la provincia di Varese torna a testimoniare violenta discriminazione ed esclusione nei confronti delle persone omosessuali.

La denuncia arriva dal protagonista della vicenda, un giovane donatore che ha fotografato presso la sede Avis un cartello esposto in sala d’attesa in una bacheca che elenca i rapporti omosessuali tra i criteri di esclusione alla donazione; un altro punto della dichiarazione Arcigay recita:

È un rifiuto ingiustificato e penoso che viola il principio di non discriminazione sancito dalla Costituzione e che non ha riscontro nei dati scientifici.

 

Leggi ora  Dona il 5x1000 all'Arcigay