Roberto Castelli: “Il matrimonio gay è come la bigamia”

Home » Cultura Gay » Roberto Castelli: “Il matrimonio gay è come la bigamia”
Spread the love

Roberto Castelli: "Il matrimonio gay è come la bigamia" Cultura Gay È difficile trovare un argomento che metta d’accordo tutti gli schieramenti politici, a meno che questo non sia il matrimonio gay. Ultimo in ordine di tempo a schierarsi contro le unioni formate da individui dello stesso sesso è stato Roberto Castelli, il quale a Un giorno da pecora ha dichiarato:

Per me la famiglia costituzionalmente e legalmente riconosciuta deve essere quella tra un uomo e una donna. Liberissimi di pensare e di organizzare la propria vita privata come si crede. Ma se io, per esempio, pensassi che voglio essere bigamo, cosa faccio, mi metto a sposare due donne? No, rispetto la legge e mi tengo la mia opinione.

Castelli ritiene che in merito al concetto di famiglia la costituzione si riferisca all’unione tra un uomo e una donna:

C’è scritto che protegge la famiglia ma è del tutto ovvio che a riguardo i padri costituzionali, quando hanno scritto quell’articolo, pensavano alla famiglia tradizionale mirata alla procreazione.

Per i politici italiani le decisioni dell’UE sono solo carta straccia?

Photo Credits | Getty Images

Leggi ora  Jim Garlow ringrazia gli afroamericani per aver salvato l'America dai matrimoni gay