Lia Thomas nominata per il premio Donna dell’anno

Home » Primo Piano » Lia Thomas nominata per il premio Donna dell’anno
Spread the love

Lia Thomas ha attirato i titoli dei giornali in tutto il mondo dopo aver vinto numerosi eventi di alto profilo nel sistema universitario statunitense. In Ohio alla fine dell’anno scorso, ha stabilito record nelle gare di nuoto stile libero da 200 e 500 yarde. Due mesi dopo, ha vinto le gare di stile libero da 100 yard, 200 yard e 500 yard ai campionati femminili della Ivy League. Il mese successivo, è diventata la prima atleta trans a vincere un titolo NCAA Division I. È arrivata prima nell’evento femminile di 500 yard stile libero e ha registrato il miglior tempo della stagione NCAA, secondo la CNN.

Da allora Thomas è diventata il volto del dibattito sugli atleti trans poiché molti dei suoi critici credono che non dovrebbe essere autorizzata a gareggiare contro donne cisgender. La giuria NCAA Woman of the Year selezionerà 30 premi prima di rivelare nove finaliste. Ci saranno tre candidati da ciascuna divisione NCAA nella sezione finalisti. Una volta rivelate le nove finaliste, il Comitato NCAA per l’atletica leggera femminile sceglierà la vincitrice e sarà rivelata a gennaio 2023. Il premio Donna dell’anno è in corso da oltre 30 anni e riconosce “le studentesse-atlete che hanno esaurito la loro idoneità e si sono distinte nella loro comunità, nell’atletica e nel mondo accademico durante la loro carriera universitaria”.

Leggi ora  Italo Carta: "Ho curato molti omosessuali"
Lia Thomas nominata per il premio Donna dell'anno Primo Piano

Lia Thomas è stata nominata atleta di divisione I per il nuoto e le immersioni dall’Università della Pennsylvania, dove ha studiato. Nonostante ciò che dicono i suoi critici, Lia dice che ha nuotato più lentamente rispetto a quando era maschio e non crede di avere un vantaggio ingiusto. Ha anche confermato che intende continuare a nuotare e mira a competere alle Olimpiadi del 2024. Tuttavia, l’ente di governo mondiale del nuoto, la FINA, ha annunciato all’inizio di quest’anno che le donne trans non sarebbero state autorizzate a competere contro donne cisgender.

Lia ha commentato “Non ho bisogno del permesso di nessuno per essere me stessa. Non puoi suppportare a metà e dire Supporto le persone trans ma solo fino a un certo punto. Se sostieni le donne trans e loro hanno soddisfatto tutti i requisiti NCAA, non so se puoi dire qualcosa del genere. Le donne trans non sono una minaccia per lo sport femminile”. Crediamo che la questione possa essere risolta e creare una nuova categoria per tutte le persone che hanno avuto una transizione e rendere il mondo sportivo ancora più vario.