Benvenuta Caitlyn Jenner

di Valentina Cervelli Commenta

Non più Bruce, ma benvenuta Caitlyn Jenner. C’è voluto un po’ affinché questa donna stupenda venisse fuori dal suo guscio. Circa 60 anni in effetti. Ma ora che è arrivata non possiamo fare altro che celebrare con lei la sua forza ed il risultato raggiunto: il poter vivere alla luce del sole. Cosa che non tutte le persone transgender possono fare.

E’ una donna Caitlyn, non dovete dimenticarlo. Quindi non chiamatela Bruce, non usate i pronomi e gli aggettivi femminili. Dopo un percorso molto lungo e non semplice nonostante la sua fortuna economica e la sua notorietà, la Jenner finalmente ha raggiunto uno degli obiettivi primari di ogni essere umano: sentirsi libero di essere quello che si è. Quello che avrebbe meritato di avere Leelah Alcorn e la cui mancanza l’ha portata al suicidio. Il mondo è crudele spesso con le persone transgender. La speranza è che in qualche modo Caitlyn Jenner riesca a cambiare la percezione generale proprio per il grande impatto pubblico che ha.

La copertina di Vanity Fair con la quale ha ufficialmente dato l’addio a Bruce ed ha presentato se stessa al mondo è qualcosa di incredibile. E lei è bella e statuaria. Un mix tra Jessica Lange e Sophia Loren: insomma una donna davvero bella. Ma non è questo che la rende speciale. E’ attualmente l’approccio alla vita ed alla libertà che ha finalmente conquistato dopo tanto tempo e con l’appoggio delle figlie, costante supporto nella sua vita e nelle sue scelte. Quindi, ancora una volta, benvenuta Caitlyn.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>