Uomini nati donna, su Cielo quattro storie di cambio sesso

di Sebastiano 1

Dal 14 agosto in seconda serata su Cielo (DTT 26 e Sky 126) arriva Uomini nati donna, il programma definito “l’ultima frontiera del reality”. E’ il racconto toccante ed emozionante di quattro donne che hanno deciso di cambiare sesso, nome ed identità per diventare quello che sentono di essere veramente.

Una produzione tutta italiana che va a toccare tutte le tappe di una transizione irreversibile che non è priva di difficoltà: dall’assunzione di ormoni maschili, alle operazioni chirurgiche, alla lunga trafila burocratica per rifare i documenti d’identità.

Si tratta di un processo complicato che ognuna delle quattro donne, Nidia, Serena, Rosanna e Rosalia, affronta a modo suo. Tutte comunque determinate a portare a termine il proprio sogno. Nidia ha appena confessato a se stessa di essere una transessuale ed ha cominciato a farsi chiamare David. Il passo successivo è quello di rivelare alla propria famiglia l’intenzione di cambiare sesso. Serena, ora Gabriele, aspetta l’autorizzazione del tribunale per sottoporsi ad una serie di interventi chirurgici. Così come Rosanna-Mirko è già in lista per uno degli ultimi interventi chirurgici. Infine l’esperienza di Rosalia-Davide che sta ultimando il percorso medico.

Commenti (1)

  1. Sebastiano, o chiunque tu sia l’autore di questo articolo lascia che te lo dica, l’hai scritto proprio coi piedi.
    Per una persona trans* non c’è mancanza peggiore di usare il nome femminile, fra l’altro che senso ha parlare di uomini, presentandoli come donne ? Si tratta di uomini intrappolati in un corpo femminile, e anche la dicitura “cambiare sesso” per quanto sia stra usata è scorretta.

    Il programma non penso sia il massimo, ma questo articolo non aiuta nemmeno un po.

    UN uomo trans.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>