Tyler Posey ed il finto coming out, non si fa!

di Valentina Cervelli Commenta

Tyler Posey, attore di punta del telefilm “Teen Wolf” ha fatto un finto “coming out” poi smentito. Uno scherzo, come da lui stesso definito. E’ impossibile trovare un punto nel quale iniziare per dire quanto tutto questo sia sbagliato.

Tyler_Posey

Il coming out, per una persona non eterosessuale, è qualcosa di incredibilmente importante e non sempre semplice da fare. Soprattutto se si è omosessuali, ma anche in caso di bisessualità e pansessualità, se si è transgender questo passaggio è sempre molto delicato e complicato da affrontare per la granbde maggioranza delle persone. Utilizzare uno strumento come Snapchat per fare uno finto coming out è un atto decisamente irrispettoso nei confronti di qualsiasi appartenente alla LGBTQ community.

E non vanno assolutamente bene le giustificazioni che si possono leggere un giro dei suoi fan: “Ma scherzava” o “Lui è sempre imprevedibile nei social network”. Indicare la grande immensità di quanto non importi che sia un “burlone” è un eufemismo. Il coming out non deve essere oggetto di scherno o di presa in giro. Perché come tale è. Quasi quasi verrebbe voglia di parlare di omofobia di terzo livello latente. Non esistono e non possono esistere giochi di parole sulla parola gay o sullo stesso coming out. E’, lo ripetiamo, un passaggio importante che costa spesso sofferenza: non merita di essere denigrato. Questa volta Tyler Posey ha sbagliato completamente. E c’è da sperare che lo comprenda anche chi non condanna il suo gesto facendolo passare come uno scherzo. Che come tale non doveva essere assolutamente fatto.

Photo Credit |  Gage Skidmore-Wikipedia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>