Milano, nuove scritte omofobe alla Bocconi: “I froci si curano a Zyklon b”

di Sebastiano Commenta

L’Università Bocconi di Milano è ancora sotto assedio: dopo il grave episodio omofobo, dei giorni scorsi, nei confronti di un ragazzo omosessuale, sono stati imbrattati i manifesti di un convegno friendly con scritte, in pennarello blu, del tipo “I froci si curano a Zyklon b” e “L’hiv la vostra punizione”, sopra ad una freccia che punta diritto al nome dell’associazione bocconiana che si batte per i diritti delle persone glbt. Un gesto di condanna da Ivan Scalfarotto, tra gli ospiti della convention (Fonte Repubblica):

Ora bisogna tutelare e incoraggiare i ragazzi dell’associazione anche perché bisogna evitare che si verifichi un’escalation di casi del genere. Purtroppo, la legge Mancino non è stata mai estesa alle tesi omofobiche. Mi chiedo però se scritte del genere, in un Paese civile, non creino sufficiente allarme sociale da poter essere deferite alla magistratura.

I tecnici dell’università stanno già visionando le immagini catturate dalle telecamere a circuito chiuso ed il rettore ha fatto sapere che, una volta individuati, i responsabili del gesto subiranno una punizione a livello disciplinare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>