leonardo.it

L’Islanda approva i matrimoni gay

 
Sebastiano
15 giugno 2010
2 commenti

Con un’unanimità straordinaria (49 voti a zero), il Parlamento islandese ha deciso di equiparare il matrimonio “tra donna e donna” e quello “tra uomo e uomo” all’unione eterosessuale. La normativa è stata appoggiata fortemente dal neopremier Johanna Sigurdadottir, dichiaratamente lesbica, che è riuscita a placare le azioni conservatrici e far valere il buon senso.

Assieme a Danimarca, Norvegia e Svezia, la fredda (solo come clima) Islanda si configura come un’isola felice per tutti i gay della Scandinavia. L’illustre politologo Gunnar Kristinsson, professore dell’Università D’Islanda, non è affatto sorpreso per la decisione dell’Assemblea Nazionale, tra le più progressiste d’Europa.

L’Islanda è un Paese dall’attitudine fortemente pragmatica. Il matrimonio omosessuale non è mai stato visto come un problema, non è mai stato considerato una controversia.

Articoli Correlati
Cristiano Ronaldo a favore dei matrimoni gay

Cristiano Ronaldo a favore dei matrimoni gay

Dopo l’approvazione dei matrimoni gay nel suo Paese, Cristiano Ronaldo, stella del Real Madrid, e tra i giocatori più attesi dalla comunità gay per i prossimi Mondiali, ha svelato la […]

Portogallo: i matrimoni gay diventano legali

Portogallo: i matrimoni gay diventano legali

Con l’approvazione definitiva della Corte Costituzionale, il Portogallo è il sesto Paese europeo (dopo Svezia, Belgio, Norvegia, Spagna e Olanda) a “legalizzare” i matrimoni civili tra persone dello stesso sesso. […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Fierce

    E’ un’ottima notizia :)
    Anche in Islanda il Matrimonio Civile è permesso ai gay.
    In Italia che aspettiamo?!
    Una precisazione: la Danimarca non consente ancora ai gay di unirsi in Matrimonio Civile ma solo di registrarsi, sebbene pure lì le adozioni siano state pienamente estese ai nuclei dello stesso sesso. Registrarsi, anche ottenendo i medesimi vantaggi legali, non è affatto la stessa cosa che unirsi in Matrimonio Civile. Le nozze per modo di dire e le nozze vere son due cose dalla valenza e dalla portata assai diversa in termini di dignità.
    I Paesi d’Europa che permettono ai gay di sposarsi nel vero senso della parola (quindi di unirsi in Matrimonio Civile) sono al momento 7: Spagna, Portogallo, Belgio, Paesi Bassi, Norvegia, Svezia e appunto Islanda.

    15 giu 2010, 14:06 Rispondi|Quota
    • #2Sebastiano

      Grazie per la precisazione doverosa :) accolta con molto piacere ;)

      15 giu 2010, 20:46 Rispondi|Quota