Giappone: la festa del pene celebra l’inizio della primavera

di Sebastiano 2

Per propiziare l’arrivo della primavera, i giapponesi celebrano il pene come simbolo di fertilità e risveglio degli amorosi sensi. Il villaggio di Komaki, a circa 400 chilometri a su di Tokyo, festeggia il membro maschile tanto da portarne uno in processione come una divinità della tradizione cristiana.

Un pene dalle dimensioni gigantesche, intagliato nel tronco di un cipresso, dal peso di circa 300 chili (ben più grande, quindi, del 25×25 di Mukhtar Safarov). Anche le bancarelle riprendono il tema della manifestazione (che quest’anno offre grande spazio anche alla vagina), offrendo chicche davvero particolarissime provenienti da tutte le parti del mondo.

Dopo il salto, gustatevi la ricca galleria fotografica dedicata all’evento.

Commenti (2)

  1. non capisco il nesso tra festa del fallo e omosessualità… cmq..

  2. @ stefano:
    Ottima osservazione, celebrare il desiderio di molti omosessuali è d’obbligo 🙂 Come puoi notare c’è una varietà di argomenti da trattare sul mondo gay 😉 Spero che mi seguirai sempre con lo stesso spirito critico 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>