Gianna Nannini: “Penelope avrà una famiglia allargata”

di Sebastiano Commenta

A poche settimane dalla nascita della piccola Penelope, mamma Gianna Nannini racconta le gioie di essere genitore al settimanale Tv Sorrisi & Canzoni, mettendo a tacere i pettegolezzi degli ultimi giorni. A proposito della paternità (la piccolina porta il cognome Nannini) (Fonte Ansa):

Se Penelope ha una mamma, ha anche un padre. Non credo sia necessario avere per forza una famiglia “normale”, i ruoli padre-madre non sono così vincolanti: è necessario che nella famiglia ci sia molto amore. […] Penelope avrà una famiglia allargata come lo è già la mia. La famiglia è importante indipendentemente da come è composta, del resto i problemi ci sono in tutte le famiglie, anche in quelle “normali”.

Tenerissimo il racconto del parto:

Vedevo questo lunghissimo cordone ombelicale fluorescente uscire, ecco Penelope che mi fissa negli occhi. E’ stato un attimo, mi è venuto da piangere e mi viene da piangere anche adesso che lo racconto. Sono entrata in sala parto cantando “Volare” a bassa voce, e subito gliel’ho cantata appena nata.

La rocker desidera un battesimo fuori dal comune:

Penelope avrà un battesimo rock. Sarà una sorpresa. Vorrei che avvenisse all’apertura del tour, a Milano il 29 aprile. Non sarà un battesimo religioso, avrà tempo lei poi di scegliere se e come battezzarsi. Voglio invitare un mucchio di gente.

L’interprete non ha alcuna intenzione di prendere in considerazione i giudizi della gente:

Me ne sono andata dalla provincia perché non sopportavo i giudizi e i pettegolezzi, ognuno per me deve fare quello che gli pare. […] Capisco che una gravidanza alla mia età possa essere un rischio per chi non sta perfettamente bene. Io stavo bene, il parto è stato velocissimo e senza problemi. E ora Penelope la allatto io.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>