Bologna Gay Pride 2012, senza carri e musica per devolvere denaro alle vittime del terremoto in Emilia Romagna

di Felix Commenta

Il Bologna Gay Pride 2012 si farà nel capoluogo emiliano in forma ridotta e sobria, senza carri né impianti per la musica per intenderci, così da poter devolvere i soldi risparmiati alle vittime del terremoto in Emilia Romagna: la decisione arriva dal comitato organizzatore per la sfilata annuale dell’orgoglio omosessuale, in programma sabato 9 giugno a Bologna.

L’iniziativa, partita dalle associazioni lgbt locali, è stata accolta con favore e comporta un messaggio molto importante alle istituzioni e alla politica che poco o niente sta facendo per il tragico evento; il Presidente NazionaleArcigay Paolo Patané spiega:

Siamo parte integrante del Paese, non possiamo non sentirci chiamati in causa di fronte a quello che è successo, la nostra comunità conosce il valore della solidarietà e durante il corteo, oltre a chiedere parità di diritti per tutti, daremo anche il nostro contributo alla ricostruzione.

Inoltre sarà allestito nel punto d’arrivo della manifestazione, in piazza Maggiore, un mercatino agroalimentare per la vendita dei prodotti agroalimentari danneggiati dal terremoto.

Mentre la comunità lgbt italiana si stringe ai terremotati, il Quirinale non rinuncia alla parata del 2 Giugno per destinare i fondi previsti per l’evento alla causa emiliana, una richiesta fortemente voluta da moltissimi italiani che hanno in questi giorni espresso in rete la volontà di cedere posto agli aiuti e all’altruismo piuttosto che allo sfarzo di una marcia priva di significato visto il momento difficile che si sta vivendo insieme all’Emilia Romagna.

Ebbene, il Colle non rinuncia neppure alla cena di gala da duemila invitati.

Evidentemente, il pensiero di aver tagliato le Frecce Tricolori e qualche centinaio di soldati si riterrebbe abbastanza dalla classe politica, mentre la classe omosessuale mostra un livello di umanità e sobrietà edificante.

Ancora una volta, c’è da imparare e riflettere.

Photo Credits | Getty Images

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>