Italia, primo Si al matrimonio gay di un partito politico

di Felix Commenta

La politica italiana doveva aspettare che il presidente degli Stati Uniti Barack Obama o il neo presidente francese Hollande si dichiarassero apertamente a favore dei matrimoni gay, per iniziare a smuoversi anche qui in Italia: Antonio Di Pietro (Idv) ha aperto un nuovo capitolo sull’argomento ufficializzando la volontà del partito a voler sostenere i diritti delle coppie lgbt; il presidente di Arcigay Paolo Patané ha accolto la notizia positivamente dichiarando:

Con la conferma del si’ al matrimonio gay di Antonio Di Pietro, l’IdV e’ il primo partito italiano a esprimersi a favore; questo sì, esattamente come per Obama, del nuovo presidente francese Hollande, del premier inglese Cameron e di Raul Castro, si inserisce in una rivoluzione culturale che afferma senza ambiguità il valore sociale degli affetti tra persone dello stesso sesso e la totale uguaglianza nei diritti e doveri tra eterosessuali e omosessuali.

La conferma del sì al matrimonio gay di Antonio Di Pietro è stata rilanciata da L’Espresso, anche se è stata anticipata nei giorni scorsi da Franco Grillini, Responsabile diritti civili dell’Italia dei Valori: l’IdV è il primo partito italiano a esprimersi a favore della parità nel matrimonio.

Il presidente Arcigay Patané ha aggiunto:

Il Partito Democratico non può ignorare che l’eguaglianza non ha via di mezzo, o c’è o non c’è, e che il diritto al matrimonio civile di tutti i cittadini del nostro Paese, senza distinzioni, sostanzia un diritto umano fondamentale.

Photo Credits | Getty Images

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>