Aggressione a Mr Gay Namibia

di Felix Commenta

Quando Wendelinus Hamutenya disse a suo padre che era gay aveva 18 anni e fu spedito al reparto psichiatrico del Central Hospital Windhoek; sette anni più tardi è l’uomo gay più visibile del paese, dopo aver vinto la prima edizione di Mr Gay Namibia, il giovane sarà il primo africano di colore a competere per il titolo di Mr Gay World in Sud Africa il prossimo aprile.

Due settimane dopo aver vinto il titolo, il giovane è stato picchiato da due uomini che gli chiedevano una fetta del suo premio in denaro: i vicini avevano fortunatamente notato il trambusto e si sono precipitati in strada per salvarlo; i due aggressori sono fuggiti, mentre Hamutenya è stato ricoverato in ospedale con le costole ammaccate e tagli su naso e fronte.

La Namibia è uno stato indipendente dell’Africa meridionale e ha ancora una legge sulla sodomia che risale al 1927; la legge è raramente applicata, ma nel primo decennio dopo l’indipendenza dal Sudafrica nel 1990, i vertici della Namibia hanno ripetutamente inveito contro i gay.

A 16 anni, ho notato che mi sentivo attratto dai ragazzi e quando ho compiuto 18 anni, l’ho detto a mio padre, ma lui ha prontamente telefonato alla polizia per farmi rinchiudere nel reparto psichiatrico dell’ospedale di Windhoek Central e farmi curare… [Gli occhi del giovane sono colmi di tristezza, ndr] È stato molto straziante passare oltre tutto questo.

Dopo pochi giorni è fuggito dall’ospedale e grazie agli amici è riuscito a superare il difficile momento e, dopo tempo, si è riconciliato col padre e ora torna a Natale al villaggio della famiglia, dove lo ricevono come una celebrità:

I ragazzi della scuola mi trattano quasi come una pop star, ho firmato autografi sulle magliette della scuola.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>